Comunicato di oggi, 20 nov 2018

Comunicato di oggi, 20 nov 2018

Apprendiamo da più fonti che oggi al MEF è convocata un’associazione di risparmiatori per parlare dei gravi limiti della norma sui rimborsi. La nostra associazione, tra le poche ad aver duramente contestato la norma, non è stata invitata e nemmeno informata ufficialmente. Riteniamo questo gravissimo non solo per la mancanza di rappresentatività e la mancanza di contraddittorio, ma sopratutto per l’ambiguità che il MEF continua a dimostrare … Auguriamo comunque buon lavoro a chiunque sia convocato… Manine permettendo…

https://noichecredevamo.com/wp-content/uploads/2018/11/2018_11_20_comunicato_stampa_congiunto.pdf

 


Il fondo Baretta-PD che si scioglie in un bicchier d’acqua


Il plafond che faceva parte del fondo governativo PD-Baretta-Miatello comincia a perdere i pezzi a iniziare dai decreti attuativi mai arrivati e dai fondi a disposizione che cominciano a mancare come si capisce dalle ultime decisioni di Intesa che ritira i 100 milioni messi a disposizione.
Per continuare con la serie…. “noi lo avevamo detto”.. ma i discepoli di questa sorta di Wanna Marchi ha sempre i suoi adepti pronti a credere a tutto…

L’associazione NOI CHE CREDEVAMO… sta lavorando ad un fondo più ampio e di soldi veri per risparmiatori e aziende che hanno creduto nelle 2 banche venete e che ora hanno perso tutto… importante ancora una volta la condivisione con i rappresentanti delle attività produttive del territorio…. grazie agli incontri con Salvini, i suoi delegati e dopo le parole di Conte un buon risultato è oggi possibile.


Girano voci …


Girano in queste ore voci di emendamenti che contengono chissà quale suddivisione dei risparmiatori delle banche venete. Il nostro emendamento, quello che noi appoggiamo, l’unico e il solo chiede un anticipo di cassa allo Stato sostanzioso per ristorare tutti i risparmiatori che abbiano sottoscritto azioni o obbligazioni nella banche venete.

Non appoggiamo alternative che appaiono come il solito tentativo beota di confondere le idee.


Primo incontro con il Presidente Gentiloni

Con la collaborazione delle istituzioni vicentine, è avvenuto oggi il primo incontro tra associazione “Noi che credevamo nella Banca Popolare di Vicenza e in Veneto Banca”, Luigi Ugone, Mario Zambon, coordinamento “don Torta”, avv. Andrea Arman, il Sindaco di Vicenza e il Presidente del Consiglio Gentiloni.

Oggetto dell’incontro la situazione dei risparmiatori delle Banche Venete. L’associazione “noi che credevamo…” ha ufficialmente chiesto al Presidente l’inserimento nella finanziaria di due miliardi di euro a ristoro di tutti i risparmiatori vittime dei due crack veneti.

L’associazione ha ben sottolineato la necessità di ristorare tutti i risparmiatori. Siamo infatti contrari a qualunque fondo vittime con arbitro come sponsorizzato da una associazione filogovernativa poiché, come spiegato al Premier, considerando la vicenda nella sua totalità, visti i documenti in nostro possesso è impensabile lasciar fuori qualsivoglia risparmiatore da un’azione di ristoro oggi obbligatoria.
Non ci facciamo ingannare dalle parole. Se soldi ci devono essere, ci devono essere per tutti.


Enable Notifications    Ok No thanks